I 5 borghi più belli del Trentino Alto Adige

catasta di legno come opera d'arte

 

Voglia di piccolo, di quieto, di lento. Il Trentino Alto Agide non è solo la terra delle altissime e imponenti montagne e delle valli sconfinate, è anche la terra dei Castelli (leggi i più bei castelli del Trentino e i più bei castelli dell’Alto Adige) e dei piccoli borghi rurali, medievali e borghi d’arte. Se volete davvero scoprire la nostra regione dovete visitare i nostri borghi , ecco una mini guida dei cinque borghi più belli del Trentino Alto Adige da vedere con i bambini. Cinque gite lente lontano dalla folla .

Rango: il borgo rurale

Tra i borghi  più belli del Trentino Alto Adige c’è Rango, uno dei paesi più antichi delle Valli Giudicarie, è una frazione del comune di Bleggio Superiore e si trova nel Trentino sud-occidentale. Questo borgo incantato dove il tempo sembra essersi fermato conserva l’architettura rurale e la vita contadina di un tempo. Il nostro consiglio è di perdervi nelle strette viuzze del paese alla scoperta del meraviglioso labirinto costellato di volti, piazzette e loggiati.

Numerosi sono i richiami dei tempi antichi, quando secoli fa, gli abitanti conservavano i loro prodotti artigianali al piano terra delle loro case nei tipici vòlt. Tutt’ora sui balconi vengono appese le pannocchie da far essiccare, non scordatevi di guardare in alto mentre passeggiate per il borgo.

balcone con pannocchie appese

Cosa vedere a Rango

  • Le antiche abitazioni del centro storico costruite addossate una all’altra
  • La tipica pavimentazione delle vie chiamata “salesà”.
  • Una fedele riproduzione del borgo di Rango nella piazza principale del paese.

Come raggiungere Rango

Dall’autostrada del Brennero A22 uscita Trento Nord o Trento Sud a seconda della direzione di provenienza. Prendete la SS 12 fino all’uscita Trento centro da qui imboccare la SS 45 bis fino a Sarche, proseguire poi sulla SS 237. Proseguendo sulla SP 222 fino a Rango.

Canale di Tenno: un borgo medievale

Un altro bellissimo borgo da vedere in Trentino è quello di Canale di Tenno, vicino all’omonimo lago, che si trova a pochi chilometri da Riva del Garda. Questo piccolo paesino è un autentico gioiello di architettura medievale dove regna un’atmosfera di altri tempi. Camminare per le vie del centro è come catapultarsi in un’altra epoca, strette vie, case grigie una addossata all’altra e i tipici vòlt.

borgo con case in pietra

Cosa vedere a Canale di Tenno

  • La Casa degli artisti “Giacomo Vittone”, dove ammirare mostre d’arte, partecipare a Convegni e corsi estivi d’arte.
  • Il Museo degli antichi attrezzi agricoli, aperto durante la stagione estiva.
  • Il Rustico Medioevo una manifestazione folcloristica di carattere storico tra giochi e passatempi medioevali che si svolge in agosto.

Come raggiungere Canale di Tenno

Dall’autostrada del Brennero A22 uscita Rovereto Sud prendete la SS 240 per Riva del Garda e proseguire sulla SS 421 in direzione Tenno.

Mezzano di Primiero: borgo d’arte

Mezzano è una località storica e rurale del Primiero, ai piedi delle Pale di San Martino, e anch’esso fa parte dei borghi più belli d’Italia. Un pittoresco borgo caratterizzato dalle cataste di legno sapientemente posizionate in modo da creare vere e proprie opere d’arte. Lungo le vie del centro storico, sui ballatoi, nelle piazze e nei cortili la tradizionale scorta di legno per l’inverno diventa arte.

legna accatastata che crea un disegno

Anche Mezzano conserva le tipiche caratteristiche del paese di una volta, le case in pietra e in legno, le strette viuzze e le tradizioni contadine.

Come raggiungere Mezzano di Primiero

Da Trento prendete la SS 47 in direzione Padova fino a Primolano e imboccate la SS 50 bis in direzione Fiera di Primiero fino a Mezzano.

Glorenza: borgo antico del Tirolo

Glorenza, in Val Venosta, è la più piccola e antica cittadina del Tirolo, circondata da mura cittadine interamente conservate e sovrastata da tre bellissime torri alle porte d’accesso. Questo affascinante paesino è caratterizzato da pittoresche case residenziali e da suggestivi portici.

incrocio stradale con palazzo residenziale

Il centro storico medievale conserva stretti vicoli, suggestivi angoli e cortili interni, concludete la vostra visita in piazza del Mercato.

Cosa vedere a Glorenza

Nella Torre di Tubre, c’è un’esposizione permanente commemora il più famoso abitante di questa città, l’artista e disegnatore Paul Flora.

Come raggiungere Glorenza

Dall’autostrada del Brennero A22 prendete l’uscita Bolzano Sud e imboccate la SS 38 in direzione Naturno e proseguite fino a Glorenza.

 

Chiusa: città degli artisti in Alto Adige

Chiusa è una delle cittadine più belle dell’Alto Adige, più precisamente nella Valle Isarco ed è anche nota come la città degli artisti. L’affascinante borgo medievale affacciato sule rive dell’Isarco è sovrastato dalla rocca di Sabiona, una delle prime mete di pellegrinaggio del Tirolo, raggiungibile dal centro storico con il sentiero 1.

Il cuore di questa località, con i vicoli e gli eleganti palazzi dai colori vivaci, è tipicamente tirolese e si ha la sensazione di vivere in un’altra epoca. Nelle vie del centro, un susseguirsi di botteghe artigianali, dove sopra le porte d’ingresso, ci sono le tipiche insegne di ferro battute che indicano la tipologia del negozio.

paese con vicoli in pietra e case tipiche altoatesine

Da non perdere a Chiusa:

  • La pietra di Dürer che si raggiunge percorrendo l’omonima passeggiata, questo monumento, posto in un punto panoramico, è stato messo proprio nel luogo dove il pittore osservava la città e la dipingeva.
  • Nel centro storico trovate la casa più stretta di tutto il paese, misura 3 metri e risale al XIII secolo.
  • Inoltre ricordiamo il Monastero di Sabiona che domina dall’alto Chiusa.

Come raggiungere Chiusa

Dall’autostrada del Brennero A22 uscita Chiusa – Val Gardena e prosegui sulla SS 242 d seguendo le indicazioni per il centro storico.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

X