Cesa Tyrol, dove dormire a Canazei

cesa Tyrol viaggiapiccoli

 

Una vacanza all’insegna della comodità e del relax in Val di Fassa. Nel nostro ultimo soggiorno a Canazei, in Val di Fassa, siamo stati ospiti dell’hotel Cesa Tyrol. Non è un tradizionale family hotel, con animazione, ma è un hotel a gestione familiare per le famiglie, con grandi spazi, accoglienza calda, un’ottima posizione, un bowling per bambini e anche un piccolo museo di minerali.

Il Cesa Tyrol a Canazei

Cesa Tyrol sull osfondo e bimbi che bebono acqua a una fontana

L’albergo si trova un minuto fuori dal centro di Canazei, proprio accanto alla bellissima e unica cascata delle colonne basaltiche a Canazei. Quindi ha il vantaggio di essere fuori dal caos, di avere posto auto e silenzio, ma di essere vicinissimo al centro e agli impianti di risalita che si raggiungono a piedi.

 

Le stanze del Cesa Tyrol

Uno dei punti di forza sono le stanze. Ce ne sono 56. Sono tutte nuovissime (48 son ostate ristrutturate nel 2017) e molto spaziose. Noi avevamo una quadrupla, con un grande bagno diviso in due, tanto spazio e un balconcino. Con i bambini avere una camera spaziosa e comoda è importantissimo. Ci sono anche suite e suite superior.

Colazione e cena con prodotti locali

Abbiamo scelto la mezza pensione. Sia la colazione che la cena sono buonissime, con un grande buffet, pane freschissimo e prodotti a chilometro zero. Seggioloni per i bambini e una bella vetrata con vista su Canazei nella sala da pranzo.

Il cuoco del Cesa Tyrol è storico,  da 25 anni è Pietro Angione.  Sergio Angione è  il secondo cuoco. Sono entrambi pugliesi. A completare la squadra c’è Giuseppe, di origini calabresi, che si occupa degli antipasti.

Noi abbiamo gustato molto i piatti della tradizione trentina, ma la cucina del Cesa Tyrol dosa sapientemente piatti locali, regionali e nazionali anche con i prodotti del loro orto biologico. A richiesta, servono anche menu specifici per ospiti sportivi,  per chi segue un regime alimentare vegetariano o soffre di allergie o intolleranze alimentari.

 

Pista da bowling, sala lettura, sala giochi e palestra

Un servizio che non si trova in genere in albergo e che è piaciuto tanto ai bambini è stata la pista da pista da Bowling.

L’albergo ha anche una piccola palestra, una piccola area spa, una sala giochi, una sala per deposito bici e una per il deposito sci.

sla sci

D’inverno c’è una navetta gratuita per gli impianti.

Al quarto piano poi c’è una bellisisma sala lettura e/o ginnastica, tutta in legno e con una grrande vetrata. Io l’ho immaginata anche come calda sala allattamento d’inverno.

sala lettura in legno

Un bike hotel in Val di Fassa

L’Hotel Césa Tyrol è un bike hotel tra le Dolomiti. Michele, junior chef dell’hotel nelle Dolomiti di Canazei, fornisce qualsiasi tipo d’informazione, aiuta a individuare il tour più adatto sia in mountain bike sia con la bici da corsa. Inoltre, ogni giorno l’albergo propone un tour accompagnato dalle guide specializzate Fassa MTB, durante la settimana un tour di mezza giornata e uno di una giornata sono offerti dall’hotel.

 

Mostra di minerali

mostra minerali

Inoltre, per chi come il nostro figlio maschio Enrico,  è appassionato di minerali e alla geologia delle Dolomiti e di tutto il mondo, è possibile visitare una collezione personale di minerali e cristalli della famiglia Soraruf: un vero gioiello nascosto tutto da scoprire.

 

Cesa Tyrol, storia di volontà e determinazione

Quando entrate al Cesa Tyrol spesso vi accoglie proprio Riccardo Soraruf che ha creato questo albergo e lo gestisce da 40 anni. Mi sono fermata a fare due chiacchiere con lui e mi ha raccontato la storia di questo albergo.

Riccaro e Maria Soraruf

“Avevamo una stalla, la mia era  una famiglia di contadini:  mio era papà guardia forestale e mamma casalinga”, racconta Riccardo ,che però a 14 anni di frequentare la scuola alberghiera. “Volevo lavorare subito – si confida- a casa eravamo molto poveri, così nel 1960 sono partito per la Germania, non avevo neanche 16 anni. Tra Germania e Svizzera ho fatto dieci anni di gavetta”. Nel 1969 incontra la moglie Maria e nel 1979 Riccardo, con il fratello Giorgio comincia a costruire una piccola baita al belvedere di Canazei. Iniziano senza soldi e senza nulla e poco terreno. Riccardo però voleva un albergo tutto suo: “Ci siamo divisi mio fratello ha ora la sciovia e io ho preso l’albergo con mia moglie nel 72 con 40 camere”. Ora il Cesa Tyrol ha 56 camere. Il primo restyling risale al 1999, quando viene realizzata una parte nuova con 19 camere verso nord est. Tra il 2000 e il 2004  vengono costruiti un piccolo centro benessere, il campo da tennis,  sei appartamenti completi, con biancheria e pulizia finale.

Le cucine degli appartamenti le pulisce Maria, la moglie di Riccardo in persona.

Ora Riccardo e Maria stanno passando il testimone al nipote Michele e la moglie Mary, di origini cinesi: “Si sono conosciuti in Svizzera alla scuola alberghiera  e anche loro hanno fatto tanta gavetta”.

Quando chiediamo a Riccardo Soraruf il segreto per un albergo accogliente lui risponde deciso: “Non ci si può improvvisare e bisogna sorridere, un sorriso non costa niente”. E po conclude: “Siamo partiti da zero, la nostra stessa valle era molto povera si viveva del poco che dava la terra.  Volontà c’era e ci siamo fatti esperienza. Io e mia moglie, insieme, abbiamo ideato e realizzato ogni angolo di questo albergo”.

 

Un accoglienza familiare

famiglia Cesa Tyrol
La famiglia del Cesa Tyrol

La chiacchierata con il signor Riccardo mi ha spiegato la sensazione di benessere e di calore che si prova al Cesa Tyrol. È un grande albergo di lusso, ma prima di tutto è la casa di Riccardo e Maria, che con amore la aprono ai loro ospiti. Se dovete scegliere dove dormire a Canazei, l’hotel Cesa Tyrol è una scelta accogliente e di alta qualità.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

X